Home / Festival del Cinema / Il vizio della speranza di De Angelis vince il premio del pubblico al RFF13
Il vizio della speranza

Il vizio della speranza di De Angelis vince il premio del pubblico al RFF13

Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis si è aggiudicato il “Premio del Pubblico BNL” alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma. Il film uscirà nelle sale italiane il prossimo 22 Novembre.

La trama de Il vizio della speranza

Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un’esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni né desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. È proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni. “A me non mi uccide nessuno”.

Le dichiarazioni di Edoardo De Angelis sul film

La proiezione de Il vizio della speranza, seguito del precedente lavoro di Edoardo De Angelis Indivisibili, era uno degli eventi più attesi della Festa del cinema e ha riscosso una calorosa accoglienza.

Il vizio della speranzaL’idea di De Angelis era venuta dall’intento di raccontare una storia semplice, “la storia più semplice che si potesse raccontare, quella della nascita di un bambino”. Nei riguardi del luogo, Castel Volturno, si era espresso sul red carpet in questi termini: “è il luogo dove succede tutto il bene e il male del mondo, dove alberga la bellezza e la bruttezza, la distruzione e il desiderio di ricostruzione. Guarda Castel Volturno, vedrai l’Italia di oggi“. Riguardo al titolo aveva motivato la scelta dicendo “è un vizio che nessun uomo riesce mai a togliersi completamente, per fortuna”.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Fondazione Cinema per Roma

About Bianca Friedman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *