Home / News / House of Cards: Paul Sparks sullo scioccante finale di stagione

House of Cards: Paul Sparks sullo scioccante finale di stagione

L’articolo che segue contiene grandi spoiler circa il finale della Quinta Stagione di House of Cards, perciò, se non volete sorprese, non proseguite!

Una scelta difficile per House of Cards

I co-showrunner di House of Cards Melissa James Gibson e Frank Pugliese hanno ammesso, durante un’intervista rilasciata a TVLine, che far sì che Claire diventasse un’assassina uccidendo Tom nell’ultimo episodio della serie, è stata una scelta dolorosa ma inevitabile, un qualcosa che “doveva accadere, per quanto sia stata una scelta difficile”. house of cardsPugliese ha aggiunto: “Durante tutta la stagione abbiamo visto Claire rendersi conto delle sue ambizioni, accettandole completamente”. Sorprendentemente, i due showrunner non hanno timore nell’affermare che il personaggio di Tom, interpretato dalla star di Broadwalk Empire Paul Sparks, doveva essere fermato.

Quando gli viene chiesto se era a conoscenza della morte del suo personaggio prima dell’inizio della serie, Paul Sparks deve ammettere che è rimasto particolarmente sorpreso poiché non ne sapeva nulla. Ha aggiunto anche di esserne sia lusingato, poiché una buona storia che ti permette di morire con una bella morte lo affascina. Ovviamente però, si è sentito dispiaciuto nel dover abbandonare i colleghi e i membri della crew, con cui aveva instaurato un ottimo rapporto.

La scena finale: un’interpretazione intensa

Durante l’intervista, Paul ha avuto modo di esprimere ciò che ha sentito quando ha interpretato la scena della sua morte, e a riguardo ha detto che “scene come queste sono difficili da girare, così come lo sono quelle di sesso… in questo caso i due tipi sono uniti insieme, quindi è stata una sfida. house of cardsGirare però con Robin (Wright) mi ha aiutato molto, soprattutto perché è stata anche la regista dell’ultimo episodio di House of Cards, e ciò ha reso il tutto più facile”. Ha inoltre speso alcune parole circa la collega Robin Wright, definendola una grandissima attrice e regista, ed è stato onorato di poter terminare la sua presenza nello show girando una scena con lei.

Durante l’intervista, Paul Sparks viene a sapere che per gli showrunner di House of Cards non è stato semplice uccidere il suo personaggio: Paul ne è rimasto colpito, ed è dell’idea che, nonostante l’atto di per sé sia stato doloroso, si sono impegnati tutti affinché questa morte diventasse un punto cardine coerente nel percorso di crescita di Claire.

Una teoria nasce tra i fans…

Tra i fans di House of Cards è sorta una teoria, condivisa anche dall’intervistatore: molti pensano che Tom abbia ideato una sorta di ‘piano B’ per garantire l’uscita del suo libro, anche nell’eventualità in cui gli fosse successo qualcosa. Gli showrunner non hanno né ammesso né smentito questa teoria, cosa che fa ben sperare gli spettatori. Sparks ha dichiarato a riguardo che la cosa non lo stupirebbe: Tom è un’artista con una grande esperienza, la cui scrittura ha un ruolo centrale nella sua vita, perciò non rimarrebbe stupito nel vedere venire ala luce le parole del suo personaggio in qualche modo. “Questo è ciò che fanno gli scrittori: far venire alla luce le proprie parole”, ha aggiunto.

Circa la sfacciata avventura di Tom con la guida turistica della Casa Bianca, che è sembrato un gesto deliberatamente volto a colpire Claire, Sparks ha dichiarato che il suo personaggio ha sempre avuto questa sorta di tendenza ‘da samurai’. “Tom non poteva sostenere ancora di vedere Claire condurre due vite, e in una di queste la sua presenza non era prevista. Ciò lo ha reso debole, per questo ha agito come ha fatto con la guida, avendo rapporti con lei proprio nella Press Room della Casa Bianca. Sapeva benissimo che ci sarebbero state delle telecamere: sembra quasi che Tom si sia comportato così per attirare l’attenzione di Claire a tutti i costi”, ha aggiunto Sparks.

Paul Sparks: un fan come tutti noi

L’intervista si conclude con un ultima domanda: Paul Sparks continuerà a seguire House of Cards ora che non ne fa più parte? A questa domanda Sparks ha risposto “Sinceramente, guardavo House of Cards già prima di farne parte; dopo essere entrato nel cast ho smesso, non mi sono rivisto sullo schermo. Ma ora che ho del tempo libero potrei rimettermi in pari con House of Cards, e se ci dovesse essere un’altra stagione la guarderei senz’altro, sono curioso come qualsiasi altro fan!”.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: TVLine

About Ilaria Coppini

25, ormai laureata in Letterature e Filologie Euroamericane, titolo conseguito solo per guardare film e serie TV in lingua originale (sulle battute ci sto ancora lavorando). Almeno un'ora al giorno per vedere un episodio la trovo sempre, e Netflix è ormai il mio migliore amico. Datemi del cibo e una connessione veloce e scatenerete la binge-watcher che è in me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *