Home / Netflix / Le 10 osservazioni di Guillermo del Toro su Roma di Alfonso Cuaron
Roma Netflix

Le 10 osservazioni di Guillermo del Toro su Roma di Alfonso Cuaron

Il regista messicano Guillermo Del Toro aveva già affermato che Roma
di Alfonso Cuaron, da lui premiato con il Leone d’Oro a Venezia, rientra nella top five dei suoi film preferiti.

Guillermo del Toro su Roma

Roma Cuaron

Roma è stato indiscutibilmente uno dei film più apprezzati della stagione 2018-2019. Il dramma di Alfonso Cuaron si è aggiudicato il titolo di miglior film secondo il New York Film Critics Circe, e il Los Angeles Film Critics Association. Guglielmo del Toro,  presidente di giuria alla Mostra di Venezia quando Roma si è aggiudicato il Leone d’oro, ha dichiarato che il dramma di Cuaron rientra nella lista dei suoi cinque film preferiti. 

Per il realizzatore de Il Labirinto del FaunoRoma è già diventato una pietra miliare del cinema. Recentemente Del Toro ha pubblicato su Twitter 10 osservazioni sul film di Cuaron includendo riflessioni sul personaggio principale, Cleo, e sul suo silenzio, a lungo tacciato di passività dalla critica internazionale. 

Inoltre, Del Toro ha sostenuto sul social network che Roma non vuole essere un ritratto soggettivo, ma piuttosto un tableau vivant, un affresco, che ritrae una persona, un tempo e un luogo nel loro divenire.

Leggete anche: la nostra recensione di Roma di Alfonso Cuaron

Le dieci riflessioni di Guillelmo Del Toro suRoma di Alfonso Cuaron

1) L’inquadratura iniziale suggerisce che la terra (il pavimento pieno di merda) e il cielo (l’aereo) siano inconciliabilmente lontani anche se sono momentaneamente uniti e rivelati dall’acqua (il riflesso). Tutte le verità su Roma sono rivelate dall’acqua.

2) Questi piani dell’esistenza, come il classismo all’interno della famiglia, non possono essere affrontati. I momenti in cui la famiglia si avvicina a Cleo sono fugaci … “Ha salvato le nostre vite” è prontamente seguita da “Puoi farmi un frullato di banana?”

Roma Cuaron Venezia 75

3) Secondo me, il silenzio di Cleo non è altro che uno strumento per il suo arco drammatico. Cleo trattiene le emozioni fino a quando il dolore più intimo non si manifesta dopo il salvataggio nell’oceano.

4) Un momento chiave, creato con precisione, è la scelta di Cuaron di far rompere le acque a di Cleo proprio mentre la violenza esplode e il suo ragazzo irrompe nel negozio con in mano una pistola e una maglietta con su scritto “Love is …”. Il bambino nascerà morto.

5) In tutti i sensi, Roma è un affresco, un murale, non un ritratto. Non solo il modo in cui è obiettivo, ma il modo in cui “scorre”. Le informazioni audiovisive (contesto, disordini sociali, fazioni e politica / morale del tempo) esistono all’interno della cornice da leggere.

6) Mi sembra che il fatto che Cuaron ed Eugenio Caballero abbiano costruito diversi quartieri (!) di Città del Messico in un gigantesco backlot (marciapiede, lampioni, negozi, strade asfaltate, ecc.) non sia poi così ben noto. Questo è un successo titanico.

7) I diversi strati sociali sono rappresentati nel film non solo nella famiglia per la quale Cleo lavora, ma anche all’interno della famiglia e dei parenti di proprietà terriera e persino tra Fermin e Cleo quando la insulta nel campo di allenamento.

Roma Cuaron

8) Roma codifica gran parte della sua narrazione filmica attraverso l’immagine e il suono. Se lo si vede in sala ha uno dei mix surround più dinamici. Sottile ma preciso.

9) Tutto è ciclico. Ecco perché Pepe ricorda le vite passate in cui ha fatto parte di classi diverse, professioni diverse. Le cose vanno e vengono – vita, solidarietà, amore.

10) L’immagine finale rima perfettamente con l’apertura. Ancora una volta, terra e cielo. Solo Cleo può transitare tra entrambi. Come lei dimostra nella scena di Zovek, solo lei ha la grazia. Apriamo il film guardando in basso, chiudiamo lo sguardo, ma il cielo, l’aereo, è sempre lontano.

Roma di Alfonso Cuaron è disponibile su Netflix.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Indiewire

About Anna Mistrorigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *