Home / News / News Cinema / Cine Special / 10 film dall’imperdibile colonna sonora originale (Prima parte)
Colonna sonora the greatest showman

10 film dall’imperdibile colonna sonora originale (Prima parte)

L’8 giugno è uscito nelle sale americane Hearts Beat Loud, un accattivante film indie nuovo di zecca con protagonisti un padre (Nick Offerman) e una figlia (Kiersey Clemons), che decidono un giorno di formare una band per l’estate, prima che la giovane parta per il college. Interpretate dai due attori, le canzoni che compongono la colonna sonora di Keegan DeWitt sono davvero coinvolgenti e toccanti: Hearts Beat Loud diventa così un bel promemoria in grado di ricordarci che pure i film possono farci conoscere della musica nuova e interessante. Da The Greatest Showman a Chiamami col tuo nome, sono infatti molte le pellicole con una colonna sonora originale che rimarrà impressa nella nostra mente. Vediamone insieme alcune!

  1. “Montage” (Swiss Army Man)

“Pop-pop-corn-pop-pop-corn-pop-pop-corn-pop-pop-corn

Pop-pop-corn! Pop-pop-corn! Pop-pop-corn! Pop-pop-corn”

Ecco che già la canticchiate. Questo ritornello – piatto forte della squisita colonna sonora composta dalla Manchester Orchestra per lo stranissimo film di Daniels – viene proposto proprio nel mezzo del film Swiss Army Man, facendovi innamorare perdutamente di questa frivola e al contempo grottesca commedia umana incentrata sulle vicende di Hank, un giovane che fa amicizia con un cadavere petomane. “Montage” è di certo una delle canzoni più orecchiabili e canticchiabili che potrete sentire in questa bizzarra pellicola.

  1. “Let it Go” (Frozen)

Nel 2014, Frozen – Il regno di ghiaccio si aggiudica due premi Oscar per il miglior film d’animazione e per la miglior canzone, Let It Go in originale – “All’alba sorgerò” in italiano, interpretata dalla bella e brava Serena Autieri, doppiatrice della protagonista Elsa. Dopo aver ottenuto nella sua categoria il maggiore incasso della storia del cinema, Frozen non ha ancora smesso di riecheggiare nelle nostre orecchie proprio grazie alla sua travolgente colonna sonora Let It Go.

  1. “Belleville Rendez-vous” (Appuntamento a Belleville)

Continuando la nostra lista, troviamo anche la favola animata di Sylvain Chomet, Appuntamento a Belleville, incentrata sulle bizzarre vicende di una vecchietta che, partita in città alla disperata ricerca del suo nipotino ciclista (rapito dalla mafia durante il Tour de France), finisce per stringere amicizia con tre cantanti attempate degli anni ’30: saranno proprio loro, le “Triplettes”, ad aiutare la protagonista a liberare il nipote dalle grinfie dei gangster. Ebbene, una delle canzoni di questo simpatico film d’animazione, “Belleville Rendez-vous”, è proprio una chicca: un’ode alla vita, un invito al carpe diem che sembra essere proposto da un’autentica radio anteguerra e che ci catapulta nel mondo ad acquarelli della Chomet.

  1. “This Is Me” (The Greatest Showman)

Godendo del grande carisma del suo cast e della forza della sua sincerità The Greatest Showman è un circo musicale al giusto bivio tra idiozia e genialità in cui la colonna sonora scritta da Benj Pasek e Justin Paul ricopre un ruolo da protagonista: “This Is Me” in particolare è la canzone che rappresenta in modo più emblematico l’animo della pellicola di Michael Gracey.

  1. “Lose Yourself” (8 Mile)

Vi siete mai sentiti come se aveste il bisogno urgente di scappare e di cominciare una vita altrove? Eminem l’ha provato e Lose Yourself parla proprio di questo. Molto presumibilmente scritta nel tempo libero durante il set di 8 Mile, la canzone è un’introspezione autobiografica, in cui il rapper sfoga tutta la sua rabbia attraverso la musica per creare qualcosa di positivo. Sfociando in una sorta di autoaffermazione aggressiva e inedita, il flusso di coscienza di Eminem viene sublimato grazie ad un accordo per pianoforte ormai iconico e immortalato con un riff di chitarra che frusta l’anima del rapper con la forza dei suoi demoni.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: IndieWire

About Alice Tonasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *