Home / News / News Serie TV / Dai Libri alla TV / La spia che venne dal freddo: in arrivo serie TV dal libro di Le Carré
la spia che venne dal freddo libro

La spia che venne dal freddo: in arrivo serie TV dal libro di Le Carré

La spia che venne dal freddo è uno dei romanzi più noti di John Le Carré, scritto nei primi anni 60 e portato al cinema da Richard Burton, sempre in quegli anni.

la spia che venne dal freddo filmOra, invece, si registra una nuova stagione di interesse per i romanzi dello scrittore di spy story britannico. Dopo il recente successo di The Night Manager, miniserie molto affascinante con  Tom Hiddleston e Hugh Laurie, la Paramount vuole produrre una nuova serie dal romanzo La Spia che venne dal freddo, in collaborazione con Ink Factory.

Lo scrittore vincitore di un Academy Awards, Simon Beaufoy (The Millionaire) si occuperà dell’adattamento al piccolo schermo, mentre lo stesso Le Carré sarà produttore esecutivo. Per il momento lo show non è ancora stato acquistato da nessuna rete televisiva, quindi stiamo parlando, ad oggi, solo di un concept delle case produttrici.

La trama del romanzo

Il romanzo è ambientato durante la rapida costruzione del Muro di Berlino (ricordiamo che il romanzo fu pubblicato solo un paio d’anni dopo la costruzione del Muro) e il protagonista è un funzionario dell’intelligence britannica che dopo l’ennesimo omicidio di uno dei suoi uomini, si butta in un piano disperato.

“La spia che venne dal freddo è uno dei più grandi romanzi di spionaggio mai scritti.” ha commentato l’amministratore di Ink Factory, Simon Cornwell. “Simon Beaufoy, inoltre, è uno dei più brillanti sceneggiatori della nostra generazione, quindi siamo entusiasti di intraprendere questo straordinario percorso creativo.”

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *