Home / News / L’isola del faro di Abby Geni: un thriller per una scrittrice esordiente
L'isola del faro

L’isola del faro di Abby Geni: un thriller per una scrittrice esordiente

l'isola del faroAutore: Abby Geni
Titolo: L’isola del faro
Editore: Longanesi
Pagine: 324
Costo:  18,60 Euro
Uscita: 17 Maggio 2018

L’isola del faro è il libro d’esordio di Abby Geni, talentuosa e provocatoria scrittrice; un thriller che si avvicina al genere dei delitti della camera chiusa – un ambiente isolato, condizioni estreme, un gruppo chiuso di personaggi ostili, una morte solo apparentemente accidentale – ma che esplora anche temi più ampi: il mondo naturale, il potere della perdita e la natura della guarigione.

L’isola del faro

l'isola del faroQuando la fotografa Miranda sbarca sulle remote isole Farallon, un arcipelago così inospitale da essere stato soprannominato “i denti del diavolo”, viene accolta da un clima e da una fauna ostili, ma non tanto quanto i sei zoologi con cui dovrà convivere per l’anno successivo, nell’isolamento quasi totale di quel microcosmo soffocante.

Poco dopo il suo arrivo, uno dei ricercatori violenta Miranda e tre giorni dopo viene ritrovato morto.

Mentre la relazione tra i compagni diventa sempre più tesa, Miranda trova conforto nel mondo naturale, riesce a trovare la bellezza anche in fenomeni che potrebbero sembrare spaventosi o repellenti, tanto che, ancora in stato confusionale, arriva a pensare che l’isola la protegga e si sia vendicata uccidendo il suo assalitore. Mentre Miranda cade in balia delle leggende del luogo, la violenza dilaga e ogni scienziato sembra un possibile colpevole.

Abby Geni

Abby Geni si è laureata alla Oberlin University e ha frequentato l’Iowa Writers Workshop. È autrice di numerosi racconti. Con L’isola del faro ha vinto il “Barnes & Noble Discover Great New Writers Award” e il primo “Chicago Review of Books Awards for Best Fiction”. Vive a Chicago.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Longanesi Libri

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.