Home / Festival del Cinema / Human Flow: il film di Ai Weiwei sulla crisi migratoria in Concorso a Venezia
Human Flow

Human Flow: il film di Ai Weiwei sulla crisi migratoria in Concorso a Venezia

Non è la prima esperienza dell’artista, designer, fotografo e attivista pechinese Ai Weiwei al cinema. Nel 2012 Alison Klayman ha girato Never Sorry, il documentario biografico sui momenti più salienti della vita dell’artista politicamente impegnato presentato a Cannes. Quest’autunno Ai Weiwei tornerà sul grande schermo, ma questa volta come regista di Human Flow, un film documentario che ritrae l’attuale crisi mondiale dei rifugiati.

«Essere un rifugiato è molto più di una condizione politica, è la più perversa forma di crudeltà che può essere esercitata contro l’essere umano». Queste sono le prime parole che aprono il trailer di Human Flow.

Human Flow di Ai Weiwei girato in 23 nazioni diverse

Ai WeiweiHuman Flow è stato girato in ben 12 mesi da 25 troupe cinematografiche, ritraendo l’attuale condizione dei flussi migratori in 23 nazioni tra le quali Afghanistan, Bangladesh, Francia, Grecia, Germania, Iraq, Israele, Italia, Kenya, Messico, e Turchia. Human Flow lancia uno sguardo severo sull’attuale situazione geo-politica, facendosi testimone di milioni d’individui nella loro disperata ricerca di salvezza, rifugio e giustizia. Il documentario racconta il più grande esodo dell’umanità dopo la seconda guerra mondiale attraverso più di quaranta interviste a persone che hanno lasciato il proprio paese d’origine fuggendo da guerre, povertà e drastici mutamenti climatici. L’autobiografismo è una componente inevitabile in quanto lo stesso Ai Weiwei fu costretto dalle autorità del governo a lasciare la Cina.

Ai Weiwei ha scelto di presentare Human Flow al Festival di Venezia e questa scelta, considerata l’attuale politica europea sulla gestione dei flussi migratori, è tutt’altro che anodina. Ma la militanza di Ai Weiwei in favore dei rifugiati ha trovato molteplici forme di espressione oltre a quella cinematografica: la crisi globale delle migrazioni è infatti il soggetto principale di molti lavori dell’artista, com’è possibile vedere nelle le numerose installazioni presenti alla National Gallery di Praga, a Berlino e a Vienna.

Human Flow sarà nei cinema a partire dal 13 ottobre.

Fonte: Indiewire

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Anna Mistrorigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *