Home / Recensioni / Future Man: recensione dei primi 2 episodi della serie Hulu
future man

Future Man: recensione dei primi 2 episodi della serie Hulu

Future Man esordisce sugli schermi americani di Hulu con una serie a metà strada tra la comedy e il fantascientifico con episodi dalla durata più vicina al comedy (di mezzora l’uno). Vediamo com’è questa serie nel suo esordio.

Future Man, la trama

future man Josh Futturman (Josh Hutcherson) è un inserviente in una compagnia di ricerca medica, ma anche un “malato di videogame” che passa tutto il suo tempo libero, e non solo quello, a giocare ad un videogioco che nessuno ha mai terminato. Riuscito nell’epica impresa scopre che il suo passatempo non è solo un videogame ma uno strumento inviato dal futuro per reclutare il salvatore dell’umanità dalla sua estinzione e da questo punto in poi inizia una serie di comici viaggi nel tempo con lo scopo di evitare questa catastrofe e salvare il genere umano.

Future Man, le nostre impressioni

Future Man gioca a carte scoperte, sa di andare a pescare a piene mani in alcuni stereotipi del cinema classico e lo ammette nei suoi primi episodi, tanto da mettere in bocca allo stesso protagonista la frase “sembra la trama di Wargames (film spassoso degli anni 80) mista a Ritorno al Futuro”. future man Ma non si scandalizza di prendere a prestito idee altrui, anche se forse un po’ lo fa nel copiare uno stile narrativo simile a quello di Douglas Adams (recentemente apprezzato anche nella trasposizione televisiva di Dirk Gently) ma lo fa con meno raffinatezza e con una linearità molto più alla portata di un pubblico più ampio.

Il problema, di fondo, è che manca anche la maniacale cura del dettaglio, sia tecnico che narrativo, che abbiamo imparato ad apprezzare in Dirk Gently, portandoci ad assistere ad un racconto che, almeno inizialmente, sembra molto basilare e con una qualità tecnica decisamente inferiore.

future man Chiaramente le complicazioni sembrano voler arrivare verso la fine del secondo episodio, anche se il sapore che lasciano sembra quello di tentativi andati a male e voglia di riprovarci, più che un vero e proprio incastrarsi di dinamiche causa/effetto, però si può lasciare tranquillamente il beneficio del dubbio.

Quello che sembra invece più lampante è una maggiore approssimazione della parte tecnica che sembra più arrangiata, anche se evidentemente, se lo show si propone continui salti temporali, non dev’essere facile gestire una tale mole di lavoro.

La comicità c’è e ci sono anche delle trovate dignitose, pur sembrando i protagonisti un po’ troppo “semplici” nel senso che non si intravede una costruzione dei personaggi troppo sfaccettata e nemmeno innovativa, ma sembra che si siano presi degli stereotipi buoni per tutte le stagioni e incollati sullo schermo che vanno bene comunque.

Future Man - primi 2 episodi

valutazione globale - 6

6

Divertente ma niente di più

User Rating: 4.5 ( 1 votes)

Future Man, un giudizio in sintesi

future manFuture Man, comunque, sembra un intrattenimento di livello sufficiente, anche se di una sufficienza un po’ tirata per i capelli, anche grazie ad un formato di durata ridotta, che consente una visione senza troppo impegno e la buona recitazione con un certo impegno di Josh Hutcherson, che realizza un personaggio molto simile a quello portato in scena da Elijah Wood in Dirk Gently, anche se di parecchie spanne inferiore a quello di Wood.

Al momento, e sempre riconfermando il beneficio del dubbio che si deve ad una visione di episodi che hanno anche il gravoso compito di introdurre la storia, lo show sembra un divertissement che non richiede una partecipazione troppo attiva dello spettatore, quindi guardabile in modo spensierato senza aspettarsi troppo però.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.