Home / News / News Cinema / Film per Natale / I dieci film da vedere a Natale secondo Dino Ranieri Scandariato
Film da vedere a natale

I dieci film da vedere a Natale secondo Dino Ranieri Scandariato

Solaris

Regia: Andrej Arsen’evič Tarkovskij

Cast: Donatas Banionis, Natal’ja Bondarčuk, Jüri Järvet, Anatolij Solonicyn

Anno: 1972

Strane cose accadono nella stazione spaziale nei pressi del pianeta oceanico Solaris: sembra che il pianeta percepisca i nostri desideri e sappia a suo modo, incurante delle conseguenze, farci ritrovare ciò che abbiamo perduto. Definito all’epoca “il 2001: Odissea nello spazio sovietico”, Solaris è tutto fuorché una copia del film di Kubrick: è un film di una potenza lirica fuori dal comune, nutrito da una riflessione esistenzialistica tutta russa e dallo sguardo mistico di Tarkovskij. Da vedere rigorosamente nella versione integrale.

Il Vangelo secondo Matteo

Regia: Pier Paolo Pasolini

Cast: Enrique Irazoqui, Margherita Caruso, Susanna Pasolini, Marcello Morante

Anno: 1964

Nella tradizione religiosa cristiana il Natale è la festa della nascita del figlio di Dio, si presta pertanto a fungere da occasione di riflessione sui contenuti propri del Cristianesimo: l’approccio poetico, umano, di Pasolini, è contraddistinto da una vocazione verso la realtà contadina dell’Italia degli anni ’60, verso gli emarginati di una società votata irrimediabilmente al boom economico. Girato a Matera e in molti altri luoghi del Sud con attori non professionisti e un linguaggio cinematografico povero e anti-barocco, il Vangelo di Pasolini è indubbiamente uno dei film più significativi del cinema italiano.

Brian di Nazareth

Regia: Terry Jones

Cast: Graham Chapman, John Cleese, Michael Palin, Eric Idle, Terry Jones

Anno: 1979

Per restare nell’ambito della riflessione sul Cristianesimo, ma cambiando decisamente genere, la satira dissacrante dei Monty Python si approccia al tema religioso dal punto di vista della critica di costume. Bersaglio del film – una delle vette dello humour inglese – è qualsiasi forma di fanatismo ideologico. Intelligente, divertente e mai blasfemo.

Fellini Satyricon

Regia: Federico Fellini

Cast: Martin Potter, Hiram Keller, Salvo Randone

Anno: 1969

Si sa, il Natale è anche il momento dei grandi cenoni in famiglia, delle grandi abbuffate, e una grande abbuffata, sia in senso concreto che in senso metaforico, sta al centro di uno dei capolavori di Federico Fellini spesso dimenticato o snobbato: il Satyricon, tratto dall’omonima opera di Petronio. Ambientato in una Roma sospesa tra l’arcaico e il post-apocalittico, il film porta all’estremo, anche nella forma filmica, la diagnosi della crisi della cultura occidentale che Fellini aveva esplorato già ne La dolce vita. Grottesco e visionario.

Fantasia

Regia: A.A.V.V.

Cast: Leopold Stokowski, Deems Taylor, Walt Disney

Anno: 1940

Terzo in ordine cronologico dei “Classici Disney”, Fantasia è ancora oggi, quasi ottant’anni dopo, una meravigliosa perla dell’animazione americana: diviso in otto episodi costruiti su grandi brani di musica classica diretti da Leopold Stokowski, direttore dell’Orchestra di Filadelfia, Fantasia gioca con l’immaginario infantile senza temere di evocare atmosfere più cupe e infernali. Come dimenticare il Topolino dell’episodio “L’apprendista stregone”? E come non emozionarsi con il dittico “Una notte sul Monte Calvo” (Mussorgskij) e “Ave Maria” (Schubert) che chiude il film?

La freccia azzurra

Regia: Enzo D’Alò

Cast: Dario Fo, Lella Costa, Monica Bertolotti

Anno: 1996

Desidero concludere questi consigli filmici di Natale con un magico film che ha segnato la mia infanzia: tratto dal racconto di Gianni Rodari, diretto da Enzo D’Alò e impreziosito dalla collaborazione del compianto Dario Fo e dalle musiche di Paolo Conte, La freccia azzurra – storia d’un gruppo di balocchi che per l’Epifania cerca di evadere dalle grinfie di un avido negoziante – è un classico dell’animazione italiana da vedere e rivedere. Anche se si è adulti.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Dino Ranieri Scandariato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *