Home / News / News Libri / Narrativa / Bossman di Vi Keeland: una commedia sentimentale Newyorchese
bossman

Bossman di Vi Keeland: una commedia sentimentale Newyorchese

 bossman Autore: Vi Keeland
Titolo: Bossman
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 288
Costo: 17,90 Euro
Uscita: 20 Giugno 2017
Bossman di Vi Keeland. Quante probabilità ci sono che un affascinante sconosciuto, incontrato per caso in un ristorante, diventi il tuo capo? Una su otto milioni!

Bossman

bossman È durante il peggior appuntamento della sua vita che Reese incontra per la prima volta Chase Parker.

Lei è nascosta nel corridoio del bagno di un ristorante e sta disperatamente chiamando la sua migliore amica perché la salvi da quella serata da incubo. Mentre lui, affascinante, brillante e sfacciato quel tanto che basta, sta ascoltando tutto.  Più tardi, dopo qualche frecciata sul galateo da primo appuntamento, i due tornano ai rispettivi tavoli.  Reese è molto infastidita, eppure non può fare a meno di spiare di nascosto l’indisponente sconosciuto, seduto all’altro capo della stanza. Quando improvvisamente lui si alza e si presenta al tavolo di Reese, fingendosi un amico d’infanzia, si unisce a lei e al suo accompagnatore, che ancora non ha smesso di parlare della madre. D’un tratto la cena prende tutta un’altra piega. Ma, a fine serata, Reese è decisa comunque a ignorare l’interesse e l’attrazione verso l’intraprendente sconosciuto e a non rivederlo più.  Reese è convinta che sia un addio.

In fondo, quante possibilità ci sono di imbattersi di nuovo in Chase Parker in una città di otto milioni di persone? Ma soprattutto… quante probabilità ci sono che lui finisca per essere il suo capo un mese dopo?

Vi Keeland

Vi Keeland,  newyorkese doc, ha tre figli, che occupano la maggior parte del suo tempo libero. È avvocato e autrice bestseller del New York TimesWall Street Journal e USA Today.
Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Sperling & Kupfer

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *