Home / News / News Serie TV / Dai Libri alla TV / American Gods: novità e trailer dal Comic-Con
american gods

American Gods: novità e trailer dal Comic-Con

Il Comic-Con è un occasione ghiotta per presentare nuovi programmi, anche a lunga gittata, soprattutto se c’è un grande hype per auesti show, come American Gods. Starz, infatti, ha deciso di arrivare a San Diego con molte novità e soprattutto con il primo trailer che potete vedere qui sotto.

Shadow Moon (Ricky Whittle di The 100) è protagonista nel trailer mostrato al panel di American Gods a San Diego e molto spazio viene dedicato a Mr. Wednesday (Ian McShane di Deadwood). Una fugace apparizione c’è anche per la misteriosa Laura (Emily Browning di Sucker Punch ) e molte altre divinità celesti. E poi molte cose che saranno il giubilo dei lettori: “Puppy”, l’oro nella tomba, l’Albero!

La trama spicciola di American Gods

Basato sul romanzo di Neil Gaiman del 2001, l’imminente serie di Starz racconta della guerra tra tra i vecchi e nuovi dei. Il vecchio pantheon si sente messo in ombra dai nuovi arrivati che riflettono l’ossessione della società moderna per denaro, droga, celebrità. Ricky Whittle (The 100) sarà Shadow Moon, un ex detenuto che diventa la guardia del corpo di Mr. Wednesday (Ian McShane, Deadwood), un vecchio dio che cerca di costruire un esercito per abbattere il nuovo regime.

Kristin Chenoweth si unisce al cast

Altro annuncio del Comic-Con è che  Kristin Chenoweth si unirà al cast nel ruolo della Dea Easter, come annunciato dallo showrunner Bryan Fuller. La Chenoweth è salita sul palco tra i grandi applausi dai fan tra il pubblico, pur se alcuni hanno notato che probabilmente per lei era la prima volta che incontrava alcuni membri del cast.

La Chenoweth ha già recitato con Fuller in Pushing Daisies. Nel romanzo su cui si basa American Gods, Easter è descritta come uno spirito libero hippie style che aiuta il protagonista quando tutto sembra essere perduto.

Ulteriori star sono Gillian Anderson (X-Files) Jonathan Tucker (Kingdom), Orlando Jones (Sleepy Hollow), Pablo Schreiber (Orange is the new black)

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *