Home / Cinema / Boston – Caccia all’uomo: scheda, trailer e recensione
boston

Boston – Caccia all’uomo: scheda, trailer e recensione

  • scheda e trailer 
  • recensione 

DATA USCITA: 20 aprile 2017
GENERE: Drammatico
REGIA: Peter Berg
ATTORI: Mark Wahlberg, Melissa Benoist, Michelle Monaghan, Kevin Bacon, John Goodman, J.K. Simmons, Rachel Brosnahan, Michael Beach
NAZIONALITÁ: Stati Uniti
DURATA: 133′
DISTRIBUITO DA: 01 Distribution

Trama: L’attentato alla Maratona di Boston del 15 aprile 2013 e la cronaca dettagliata, in un thriller ad alta tensione con un ritmo adrenalinico, di una delle più sofisticate e meglio coordinate caccia all’uomo nella storia recente. Un potente racconto sullo straordinario coraggio dimostrato da tutta una comunità nella risposta al terrorismo in un evento che ha avuto un forte impatto in tutto il mondo.

L’acclamato regista Peter Berg (Deepwaters, Hancock, Lone Survivor) dirige il candidato all’Oscar Mark Wahlberg (Boogie Nights, The Departed, Ted) in Boston – Caccia all’uomo, l’adattamento cinematografico del libro Boston Strong, scritto dall’autore Casey Sherman assieme al giornalista Dave Wedge. Basato su eventi realmente accaduti. Il film è il racconto di quanto accaduto durante l’attacco alla Maratona di Boston nel 2013. La cronaca dettagliata, in un thriller ad alta tensione di una delle più sofisticate in meglio coordinate caccia all’uomo nella storia delle forze dell’ordine.

La trama e i protagonisti di Boston – Caccia all’uomo

La storia di Boston – Caccia all’uomo è raccontata ricostruendo cronologicamente come si è svolto l’attentato. La narrazione procede dalle varie angolazioni seguendo tutti i protagonisti: gli attentatori, i primi soccorritori, al personale sanitario, gli investigatori ufficiali governativi, l’FBI, privati cittadini e i sopravvissuti.boston

Protagonista del film l’attore nominato all’Oscar, Mark Wahlberg. Nessuno meglio di un figlio della città di Boston, poteva incarnare lo spirito del luogo e occupare il ruolo centrale della storia. Mark Wahlberg si è impegnato anche come produttore nel progetto. La storia del poliziotto di origini irlandesi incarna il valore di una città piena di eroi. Per i ruoli Peter Berg insieme agli sceneggiatori Matt Cook, Paul Tamasy, Eric Johnson e Joshua Zetumer si sono ispirati ai veri protagonisti delle indagini. Kevin Bacon è capo del FBI Richard DesLauries, John Goodman interpreta Capo della Polizia di Boston Ed Davis e J.K. Simmons è Jeffrey Pugliese, il sargente protagonista della cattura dell’ultimo terrorista.

Tuttavia per il ruolo di Wahlberg si tratta di un mix di vari agenti di polizia ed dei primi soccorritori. Vediamo infatti il protagonista dolorante per un incidente al menisco, “zoppicare” senza tregua in tutte le vicende che hanno portato dall’attacco alla cattura dei terroristi. Durante le 72 ore successive all’attacco l’agente Walhberg é presente sulla linea del traguardo durante la le due esplosioni, visita l’ospedale per interrogare i feriti, segue le indagini svolte dal FBI e prende parte alla rocambolesca cattura nel piccolo quartiere di Waterford nei sobborghi di Boston. È lui il filo conduttore che lega tutte le vicende e i personaggi in una trama sapientemente sceneggiata.

Un sound ben riuscito

bostonColonna sonora industrial rock-underground è in mano ai due premi Oscar che nel 2010 hanno scritto la migliore colonna sonora originale in The Social Network. Trent Reznor, la mente dei Nine Inch Nails, e Atticus Ross hanno creato insieme ai sound designers l’abito su misura per ogni scena, dandoci la percezione di ogni ambiente ed emozione che il regista voleva trasmetterci. Sottile e delicato all’inizio, sempre presente, fino ad amplificare la tensione con sonorità cupe facendo vibrare il cuore con le percussioni usate durante le scene più frenetiche.

Il Giudizio

Pur non amando particolarmente i film polizieschi, ho apprezzato moltissimo la ricostruzione fedele che Peter Berg fa di questo orribile episodio. La scelta di seguire i protagonisti con telecamere a spalla ha l’effetto di integrare perfettamente i filmati di repertorio consegnati alla polizia di Boston nel 2013,  il girato durante la maratona recente del 2016 e la finzione. Le immagini aeree e quelle a terra sono così molto credibili e l’intero film sembra un dietro le quinte degli eventi accaduti, in stile documentarista. boston

Berg, pur lavorando entro una stretta griglia legata alla successione di eventi reali, riesce a dare un quadro complessivo di ottima cinematografia, introducendo i personaggi nelle ore che precedono gli eventi dando delle indicazioni “visive” di quello che gli accadrà. Il film, che originariamente porta il titolo di Patriots Day, cade necessariamente in facili scivoloni dal gusto ingenuo di grandiosità e di esibizione: vedi le bandiere stelle e strisce che ondeggiano sulle case di periferia nei momenti drammatici o i discorsi eroici di orgoglio, patria e valore tipicamente americani. Bella la scelta di porre l’attenzione sulla comunità studentesca e gli ambienti del campus del MIT, orgoglio dell’intera cittadinanza. Sui cittadini “stranieri” che a Boston vivono e studiano, e come tutti hanno collaborato alle ricerche dei sospetti. Insomma, un bel film che piacerà agli amanti del genere adrenalinico, ma anche a chi come me apprezza la ricercatezza di una regia ben pensata.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Boston - Caccia all'uomo

valutazione globale

un poliziesco avvincente con una regia ben pensata

User Rating: 0.6 ( 1 votes)

About Francesca Braghetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *