Home / Cinema / Venezia 74: Leone d’oro a Guillermo Del Toro. Tutti i premi di quest’edizione

Venezia 74: Leone d’oro a Guillermo Del Toro. Tutti i premi di quest’edizione

La giuria della 74esima edizione della mostra del cinema di Venezia, presieduta da Annette Bening, ha decretato la vittoria di questa edizione, consegnando il Leone d’Oro a Guillermo Del Toro per SHape of Water, dando un segnale di apprezzamento per un cinema più accessibile al pubblico e meno autoriale, per quanto il film sia uno dei più belli della mostra, comunque.

Il Leone d’argento va a Foxtrot di Samuel Maoz, che aveva convinto appieno quasi tutta la stampa, pur non essendo un film assolutamente da sala.

La miglior regia va, tra lo stupore generale a Xavier Legrand, esordiente, vincitore anche del premio per miglior opera prima. Un uomo chiamato vittoria, ha fatto un corto e ha vinto il Cesar d’or, ha fatto un film e porta a casa due premi a Venezia.

A grande sorpresa il premio per miglior attore va “all’esordiente” Kamel El Basha per The Insult, che supera il favoritissimo (e molto meritevole) Donald Sutherland, come la Rampling a cui viene dato un “premio alla carriera” battendo le molto più meritevoli Mirren e Frances McDormand.

Il premio a Three Billboards Outside Ebbing, Missouri per la sceneggiatura è assolutamente giusto, essendo uno dei film migliori della Mostra, ma forse meritava qualcosa di più.

Continuano le sorprese: totalmente inaspettato il premio speciale della giuria a Sweet Country, che sinceramente non aveva trovato paluso in nessuno, né tra critica, né tra pubblico.

Giusto e atteso il premio Mastroianni a Plummer, per la sua interpretazione in Lean on Pete.

Concorso Venezia 74

Tutti i film premiati della sessione principale sono:

Mostra del CinemaLeone d’Oro per il miglior film

The Shape of Water
Guillermo Del Toro
Michael Shannon, Richard Jenkins, Michael Stuhlbarg, Octavia Spencer, Doug Jones, Sally Hawkins,

 

Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria

Foxtrot
Samuel Maoz
Lior Ashkenazi, Sarah Adler, Yonatan Shiray

Leone d’Argento – Premio per la migliore regia

Xavier Legrand per

Jusqu’à La Garde
Xavier Legrand
Léa Drucker, Denis Ménochet, Thomas Gioria

Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile

The InsultKamel El Basha per

The Insult
Ziad Doueri
Adel Karam, Kamel El Basha, Camille Salameh, Rita Hayek

Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile

Hannah
Andrea Pallaoro
Charlotte Rampling, André Wilms, Jean-Michel Balthazar

Premio per la migliore sceneggiatura

tre manifesti a EbbingThree Billboards Outside Ebbing, Missouri
Martin McDonagh
Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Abbie Cornish, John Hawkes, Peter Dinklage

Premio Speciale della Giuria

Sweet Country
Warwick Thornton
Sam Neill, Bryan Brown, Thomas M. Wright

Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente.

Charlie Plummer

Lean On Pete
Andrew Haigh
Travis Fimmel, Charlie Plummer, Steve Buscemi, Chloë Sevigny

 

Nella categoria Orizzonti di Venezia 74, i premi sono stati:

Categoria Orizzonti

Nico, 1988Premio Orizzonti per il miglior film

Nico, 1988
Di Susanna Nicchiarelli

Premio Orizzonti per la migliore regia

A Vahid Jalilvand per

Bedoune Tarikh, Bedoune Emza (No Date, No Signature)
Di Vahid Jalilvand

Premio Speciale della Giuria Orizzonti

Caniba
Di Lucien Castaing-Taylor, Verena Paravel

Premio Orizzonti per la miglior interpretazione maschile

Navid Mohammadzadeh per

Bedoune Tarikh, Bedoune Emza (No Date, No Signature)
Di Vahid Jalilvand

Premio Orizzonti per la migliore interpretazione femminile

Lyna Khoudri per

Les Bienheureux
Di Sofia Djama

Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura

Los Versos Del Olvido
Di Alireza Khatami

Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio

Gros Chagrin
Di Céline Devaux

Jusqu a la gardeIl Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”- Leone del Futuro è andato a:

Jusqu’à La Garde
Xavier Legrand
Léa Drucker, Denis Ménochet, Thomas Gioria

 

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *