Home / News / Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton: un thriller nei roaring 20

Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton: un thriller nei roaring 20

ritorno a riverton manor Autore: Kate Morton
Titolo: Ritorno a Riverton Manor
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 490
Costo: 19,90 Euro
Uscita: 14 Novembre 2017

 

Ritorno a Riverton Manor è la riedizione del libro d’esordio di Kate Morton: un bestseller del New York Times con 5 milioni di copie vendute nel mondo, ambientato nei roaring 20, tra Gatsby e delitti.

Ritorno a Riverton Manor

ritorno a riverton manorNella scena del suo film, la giovane regista Ursula Ryan immagina uno dei momenti più drammatici della storia letteraria inglese, uno scandalo da sempre circondato da un’aura di mistero. Era l’estate del 1924 e i sopravvissuti alla carneficina della Grande Guerra si ritrovavano a divorare la vita come se non ci fosse un futuro.

Tra feste alla Grande Gatsby, fiumi di alcol, amori che duravano lo spazio di una notte, quei ragazzi creavano il mito dei Ruggenti anni Venti. Tra loro, era Lord Robert Hunter, astro nascente della poesia celebrato da tutti. Eppure, proprio quell’estate, proprio a una delle feste più belle, quella di Riverton Manor, Robert si tolse la vita. Per Ursula, settantacinque anni dopo, quel poeta è diventato leggenda.

Almeno fino a quando scopre che è rimasta una testimone degli eventi. È Grace, custode quasi centenaria di un terribile segreto. Un segreto che ora non può più tenere per sé.

Kate Morton

Kate Morton, australiana, vive a Brisbane con il marito e tre figli. È autrice di bestseller internazionali, pubblicati in 38 paesi, sempre ai vertici delle classifiche. Guidata dalla passione per il gotico, ha scritto il suo primo romanzo giovanissima, ottenendo subito uno straordinario successo. Ha venduto 10 milioni di copie dei suoi libri in tutto il mondo.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Sperling & Kupfer

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino… you know what I mean… ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell’HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *