Home / News / News Libri / Eventi letterari / Pisa Book Festival: apertura in anteprima con la mostra dei Mumin
pisa book festival

Pisa Book Festival: apertura in anteprima con la mostra dei Mumin

Anteprima in Blu per il Pisa Book Festival. In anticipo sul taglio del nastro della quindicesima edizione (in programma per venerdì 10 novembre alle 10.30 al Palazzo dei Congressi), domani, giovedì 9 novembre alle 18, inaugura a Palazzo Blu la mostra “La valle dei Mumin” dedicata alla Finlandia paese ospite d’onore del PBF 2017.

pisa book festivalI Mumin, i buffi personaggi usciti dalla matita di Tove Jansson, sono stati scelti per rappresentare la Finlandia nella tradizionale mostra che Palazzo Blu, in omaggio al Pisa Book Festival, dedica ogni anno all’illustrazione per bambini. All’inaugurazione di domani alle 18 nella sala espositiva del piano terra di Palazzo Blu saranno presenti Cosimo Bracci Torsi, presidente della Fondazione Palazzo Blu, Janne Taalas, ambasciatore di Finlandia a Roma, Lucia Della Porta, direttrice del Pisa Book Festival, Marilù Chiofalo, assessore all’Istruzione del Comune di Pisa.

La mostra, che resterà aperta dal 10 novembre al 28 gennaio 2018 a ingresso gratuito e secondo gli orari di “Escher. Oltre il possibile” (10-19 da lunedì a venerdì; 10-20 sabato e domenica) è stata curata da Maria Chiara Favilla (Palazzo Blu) in collaborazione con l’Ambasciata di Finlandia, il Moomin Characters e il Moomin Museum di Tampere.

Venerdì mattina, in concomitanza con il taglio del nastro del Pisa Book Festival, a Palazzo Blu sarà offerto un laboratorio gratuito sui Mumin con l’illustratrice pisana Daniela Sbrana. Gli appuntamenti con i buffi personaggi di Tove Jansson proseguiranno nello Spazio Junior del PBF con la disegnatrice Claudia Flandoli, autrice delle cinque coloratissime immagini-guida dell’edizione 2017: tutti i bambini fra i 6 e i 10 anni sono invitati sabato 11 alle 16 al laboratorio di disegno “Avventure nella terra dei Mumin” e alle 17 per “We all love Mumin”. Domenica 12, per tutto il giorno, si colora e si disegna con Francesca Carità e Marco Rocchi, gli illustratori di Tunué.

Graphic novel al Pisa Book Festival

Per gli amanti del graphic novel al Pisa Book Festival arrivano Bruno Cannucciari, uno dei disegnatori di Lupo Alberto, ed Emiliano Pagani, il creatore della serie Don Zauker per molto tempo pubblicata sul Vernacoliere: assieme a Tuono Pettinato, domenica 12 alle 14, presenteranno in anteprima assoluta la loro ultima graphic novel Kraken (Tunué). pisa book festivalSpazio anche al fantasy, venerdì 10 alle 17, con l’antologia curata da Silvia Costantino, Di tutti i mondi possibili (Effequ editore), e la conversazione con Edoardo Rialti, biografo di Tolkien e traduttore. Anteprima assoluta, sabato 11 alle 17, per L’Impero del sogno (Mondadori), l’ultimo romanzo fantasy di Vanni Santoni che ne parlerà con il pubblico assieme a Luca Ricci.

Viaggi fantastici anche per i più piccini e, questa volta, nell’affascinante mondo degli insetti, come quello proposto per venerdì 10 alle 12 da Pacini editore in compagnia di Gianfranco Barsotti e Fabio Leonardi, autori de La formica Gelsomina. Tutti i bimbi sono poi invitati domenica 12 dalle 16 a disegnare il proprio cavallo preferito in compagnia di Marco Degli Innocenti, autore di Cavalli famosi (Della Porta editore), il primo colouring book per imparare la storia e dimenticare lo stress (adatto a tutte le età).

Per i ragazzi fra i 7 e gli 11 anni è da non perdere, sabato 11 alle 11, l’incontro con Margherita Loy “Magritte. Raccontare l’arte ai ragazzi”, a cura di Gallucci Editore: il percorso artistico di Magritte presentato ai ragazzi sotto forma di racconto si concluderà con la realizzazione di una loro opera d’arte sull’esempio del grande artista. E ancora, nello Spazio Junior, non mancheranno neanche quest’anno i laboratori di calligrafia cinese organizzati dall’Istituto Confucio della Scuola Sant’Anna di Pisa.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Pisa Book Festival

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino… you know what I mean… ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell’HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *