Home / Libri / Il piccolo museo dei cuori infranti di Meg Leder, tenero ed esilarante
Il piccolo museo dei cuori infranti

Il piccolo museo dei cuori infranti di Meg Leder, tenero ed esilarante

 il piccolo museo di cuori infranti Autore: Meg Leder
Titolo: Il piccolo museo dei cuori infranti
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 288
Costo: 17,90 Euro
Uscita: 18 Aprile 2017

Il piccolo museo dei cuori infranti: il romanzo è un inno alla vertigine, alla tristezza e alla gioia che crescere e innamorarsi portano con sé: una lettura consigliata a chiunque abbia amato qualcuno, l’abbia perso e poi si sia innamorato di nuovo.

Il piccolo museo dei cuori infranti

il piccolo museo di cuori infranti Penelope ha sedici anni, quasi diciassette, e non è mai stata innamorata. Suo padre lavora al museo di storia naturale e lei ha trascorso l’infanzia circondata da dinosauri e dai suoi due migliori amici: Eph, artista per vocazione, e la bella e popolare Audrey. Il liceo sta filando liscio, privo di drammi, quando Keats, bello, affascinante e brillante, arriva a scuola e sconvolge tutto.

Penelope si ritrova così con il cuore spezzato e decide di fondare un museo per curare le ferite e raccogliere tutti gli oggetti che raccontano l’estasi e la delusione del suo primo amore. Perché, a volte, lasciar andare il passato è l’unico modo per trovare il proprio futuro.

Meg Leder

Meg Leder, ex libraia e insegnante, lavora come editor e, nel tempo libero ama leggere e osservare la gente. Vive a Brooklyn, New York

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Sperling & Kupfer

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *