Home / News / Deadwood: un passo avanti per il film che conclude la storia dello show
deadwood

Deadwood: un passo avanti per il film che conclude la storia dello show

Dopo anni di attesa per un revival di Deadwood, sembra che i finalmente i fan del period drama, trasmesso molto tempo fa da HBO, possano aspettarsi, visti i tempi d’attesa “a breve”, di rivedere sullo schermo l’Al Swearengen di Ian McShane. Nonostante non abbia ancora ricevuto l’approvazione formale, il film di Deadwood sembra aver fatto un passo avanti, visto che già si ipotizza una data, ossia quella dell’inizio autunno 2018.

Il film conclusivo per Deadwood

Le notizie sul revival di Deadwood provengono da TVLine e raccontano la storia di questa pellicola lungamente attesa dai fan dello show, che è in discussione da molti anni, ma con più concretezza dal’agosto del 2015. Il creatore, David Milch, ha detto all’inizio di quest’anno ai TCA che ha preparato uno script che si sarebbe rivolto sia ai vecchi che ai nuovi spettatori.

deadwood Il capo della programmazione originale di HBO, Casey Bloys, ha affermato che lo “script è straordinario” e sta parlando con la direzione del network. Deadline ha già confermato che gli ex membri del cast sono stati approcciati per verificare la loro disponibilità. Bloys ha aggiunto che HBO è propensa a sviluppare il progetto, ma che ci sono (c’erano) alcuni ostacoli.

Da fonti esterne alla HBO, si è anche saputo che alcuni degli ex membri hanno già letto un progetto di script di Milch e che questo si dovrebbe concentrare sulla fine dell’insediamento e sull’incendio che devastò Deadwood (un fatto realmente accaduto, il 26 settembre 1879, che distrusse ben 300 edifici) e pose fine alla storia del saloon di Al Swearengen, che al termine della sua epopea western, si diede alla fuga su una chiatta.

Leggete anche: Godless, il nuovo trailer completo della nuova serie western Netflix

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino… you know what I mean… ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell’HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *